IL PARANORMALE: scettici o sostenitori?

images (259x170)

Tutti noi, prima o poi, ci siamo ritrovati con gli amici a parlare di fantasmi. Seduti da piccoli in cerchio, o da grandi intorno ad un bicchiere di vino, ognuno di noi, ha sentito o raccontato storie che parlavano di paranormale. Solitamente sono storie che vengono raccontate e tramandate, di cui, in effetti, non si ha certa provenienza, più raramente si sente qualcuno che ha una storia vissuta in prima persona.

Sono sempre storie che includono vecchie case abbandonate, morti violente, quadri misteriosi, rubinetti che si aprono e passi trascinati durante la notte. Da piccoli ci hanno terrorizzati obbligandoci a dormire con la testa sotto le coperte, ma una volta cresciuti, siamo rimasti terribilmente paurosi o siamo ormai disincantati e non ci crediamo più?
Io ho sempre guardato con occhi ammiccanti il mondo del paranormale, tanto è vero che ho visto moltissimi video e letto tanti articoli. Purtroppo c’è sempre da tener presente che nel web girano un sacco di bufale e il 99% dei video che si vedono sono dei fake assurdi. Alcuni fatti anche molto bene, ma tant’è, tragicamente falsi.

Qualche anno fa, mi sono imbattuta in un docu-reality show chiamato “Ghost Hunters” che segue le vicende dei membri della TAPS (the atlantic paranormal society) in giro per gli Stati Uniti – in qualche puntata anche in Europa – durante le loro avventure nel paranormale. Come loro spesso dichiarano, non sono pagati per svolgere le loro investigazioni, anche se ad oggi, grazie ai palinsesti della televisione, credo ne abbiano tratto un adeguato compenso.

MA COSA FA UN INVESTIGATORE DEL PARANORMALE?

Prima di tutto, dopo aver ricevuto la chiamata, organizzano la squadra e partono alla volta del luogo “infestato”, dove incontreranno il cliente che spiegherà loro le cose strane che stanno succedendo nella sua proprietà. A volte sono case private, spesso sono luoghi pubblici, più raramente si sono imbattuti in ambienti militari, come vecchie basi e portaerei.
Dopo aver avuto un colloquio conoscitivo ed essersi fatti spiegare dove, quando e come avvengono gli strani episodi descritti, la squadra comincia a tappezzare il luogo con ogni tipo di attrezzatura possibile: telecamere, registratori, sensori. Spente le luci, inizia il vero e proprio salto nell’ignoto. Premetto che pur sapendo che si tratta di uno show, mi lascio sempre attirare dalle loro avventure e rimango convinta che ci sia qualcosa di vero. Magari viene accentuato per fare un pò di spettacolo, ma a volte, succedono davvero cose inspiegabili, perlomeno, per noi che siamo a casa ignari di tutto.

L’essere umano ha da sempre cercato delle risposte su “cosa c’è dopo la morte”. Per i credenti c’è una vita eterna, per gli atei non c’è assolutamente nulla. A me, spaventata dall’idea di morire, piace pensare che ci sia qualcosa, ma credo sia dovuto al fatto che ho paura che tutto finisca per sempre. Non voglio immaginare che in un attimo, sia GAME OVER. Forse perché avendo perso persone a me molto care, amo il pensiero che un giorno potremmo incontrarci di nuovo. Questo show mi aiuta a credere, anche se inconsciamente, che dall’altra parte ci sia l’esistenza di un nuovo mondo.
Spesso durante questo programma, si vedono ombre inspiegabili e si odono voci che sembrano arrivare da mondi lontani. Si percepiscono chiaramente delle risposte a domande poste e si sentono distintamente suoni surreali che sembrano avvalorare la tesi che qualcosa in quel momento, stia interagendo con i vivi.

Si potrebbero scrivere milioni di parole sull’argomento e sui metodi usati per la ricerca, sugli strumenti utilizzati e sul valore etico di questi esperimenti, ma io mi limito a far da spettatrice a quello che osservo (o per dirla da scettica, quello che vogliono farmi osservare).

Non ho mai avuto esperienze paranormali, ho provato a volerci credere, ma ogni fatto accaduto ha QUASI sempre avuto la sua spiegazione logica. A volte anche la suggestione fa da padrona nelle sensazioni e io non riesco a scindere le due cose: razionalità ed emozione. I Ghost Hunters, invece, cercano sempre una spiegazione logica ai fatti accaduti e solo dopo averle provate tutte, se il fatto si ripete, viene catalogato come “evento paranormale”.

Ci sono e ci saranno sempre tante discussioni tra chi ci crede e chi pensa sia tutto falso. Tra chi sostiene di aver visto e chi supporta la tesi dell’auto convinzione, ma io che sono ancora nel limbo tra il si e il no, voglio dare una possibilità a questo “universo ignoto” e tentare di capirci di più. Non avrò mai abbastanza coraggio per approfondire il discorso da sola e forse avrò troppo rispetto per rompere quel filo che tiene distanti i due mondi, non sono una professionista del settore e non mi inventerò di esserlo. Tante volte ho chiesto agli amici di provare a fare qualche esperimento, ma spesso sono la prima a non voler rischiare brutte esperienze. La cosa che mi lascia a volte scossa sul mio piccolo divano, è che per quanto io parli e dica, non credo che alla fine riuscirei davvero a gironzolare per corridoi bui, con l’ausilio di una piccola torcia, a far domande per attirare gli eventuali fantasmi presenti. Al primo rumore sospetto, probabilmente pianterei un urlo e scapperei a gambe levate…

Nonostante il mio NON Cuor di Leone, vorrei almeno una volta, provare a percepire l’emozione unica di un’esperienza paranormale. Pur spaventandomi, pur sapendo che nessuno crederebbe a quello che ho vissuto, sarebbe un evento in grado di cambiare le mie percezioni sul mondo che mi circonda.

Purtroppo, ancora oggi, qualcosa mi blocca.

Una sciocca paura di qualcosa che non c’è o un ambiguo timore di vedere davvero oltre?

 

 

Aggiornamento: non riuscirò mai davvero a buttarmi in sopralluoghi e avventure nel paranormale, se solo per scegliere la foto per l’articolo, ho dovuto chiudere un occhio e scacciare i brividi da tutto il corpo. E sono seduta alla mia scrivania. Ed è pieno giorno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...