I PARCHEGGIATORI COMPULSIVI

Immagine

Ieri ero in giro in macchina e tra una manovra e l’altra, cercavo di capire cosa c’era che non andava lungo la strada. Sembrava che fosse tutto normale, ma poi all’improvviso ho capito. La mia guida si è ormai adattata a quelli che io chiamo “parcheggiatori compulsivi”.

Se sono in una strada stretta e il simpatico di turno ha lasciato la macchina in mezzo, io sono costretta a fermarmi, ad aspettare che le macchine in senso opposto siano passate, a tentare un sorpasso veloce e a evitare di farmi la fiancata.

Se sono ferma allo stop e il proprietario del SUV (anche detto faccio-le-veci-di-un-camion) ha mollato il mezzo sulle strisce pedonali che stanno proprio in mezzo alla mia visuale, io sono destinata ad uno sbocco cieco. Quindi ecco che piano piano, centimetro dopo centimetro, guadagno la posizione e col muso della vettura, sporgo lentamente in avanti per capire se posso passare o no. Puntuale arriva chi mi suona da dietro, per esortarmi a muovermi, come se non avessi già abbastanza problemi, allora sudo e provo ad uscire, ma ecco pronto chi mi suona dal davanti per avvisare che sta arrivando e allora sconsolata inchiodo e mi blocco lì.

Se sto cercando parcheggio all’ora di punta e tu mi piazzi la macchina a cavallo tra due posti liberi, mi rendi nervosa al punto che vorrei entrarti nella fiancata. Perché io non ho capito una cosa: o non sei capace a parcheggiare o sei un incivile egoista. Io azzardo l’ipotesi che tu sia entrambe le cose. Tu sei arrivato (o arrivata) e hai visto un buco libero. Probabilmente non hai neanche messo la freccia, hai infilato la macchina con la velocità di Flash Gordon e poi sei sceso dalla vettura. Guardando con aria soddisfatta il risultato di tale botta di culo, ti sei accorto che hai occupato più del necessario, ma la fatica di trovare parcheggio ha avuto la meglio e hai beatamente ignorato il problema. Sì sì, dico proprio a te. Una volta ne ho beccato uno così, davanti ai miei occhi e io non sono mica stata zitta, “guardi che se tutti fanno così, i parcheggi da 20 diventano 10…” Ha chiesto scusa e rifatto manovra, credo di averlo preso di sorpresa…

Se hai fretta perché “tanto entro nel negozio solo un minuto”, ti assicuro che c’è altrettanta gente che va di corsa come te. Che non ha energie, voglia e tempo di aspettare che tu ti sia fatto i tuoi comodi. Che non ha intenzione di rischiare un frontale perché “dai metto un secondo le doppie frecce così capiscono”. Ma capiscono cosa? SPIEGAMI IL NESSO tra le tue doppie frecce accese e il fatto che blocchi il traffico.

Se in un parcheggio, tu mi blocchi l’uscita, perché all’ultimo hai deciso che andava bene parcheggiare esattamente a venti centimetri dal mio cofano, con una ruota sul marciapiede e mezza macchina davanti ad un passo carraio e non ti sei fatto remore a riguardo, lascia che ti spieghi una cosa. Per terra ci sono dei segni che non sono reperti di arte rupestre o vecchi graffiti. So che sei sconcertato, ma ti assicuro che quelle striscioline blu o bianche, sono fatte apposta per delimitare fin dove potete stare tu e la tua macchina; pensa cosa si scopre ogni giorno, eh?

E tu, mamma amorevole, che all’uscita da scuola per non rischiare di far camminare due metri in più quell’angelo di tuo figlio (come avremo fatto noi che a scuola ci si andava anche da soli) ti parcheggi in doppia o terza fila e osi guardare con aria di sfida chi ha qualcosa da dire. Tu, cara dolce mammina blocca traffico, pensi che io abbia la bat-mobile che con un tasto spicca il volo e ti passa sopra? Magari ce l’avessi, la bat-mobile. Passerei sopra a tanti. Senza spiccare il volo, però.

La cosa peggiore in questa baraonda di maleducazione ed egoismo, è che spesso, nelle vicinanze, ci sono dei parcheggi enormi, liberi e a volte anche gratis. Ma non vorrai mica far due passi a piedi? Sarà mica dannoso? E questo mi porta all’ultima categoria. La peggiore.

Se non trovi posto, stufo di girare, ti guardi intorno e alla fine hai un’illuminazione. Magari ti senti anche un po’ in colpa, ma alla fine ecco che lo fai. Ti piazzi bello tranquillo nei parcheggi per i disabili. Giusto per non saper né leggere né scrivere, ti dico subito che ti colpirei con un cric in mezzo agli occhi. Così, per sport. Tu dovresti alzare le tue chiappette sode o meno (anzi, se sei flaccido, magari sarebbe meglio alzarle sul serio ) e far due passi a piedi, perché guarda un po’, la persona a cui tu hai rubato il posto, invece NON RIESCE A FARLI QUEI DUE PASSI A PIEDI!  Al posto di ringraziare il cielo che tu sia in pieno possesso delle tue facoltà fisiche (su quelle mentali ho una mia idea) e farti una sana camminata, fai una delle peggiori azioni per garantirti il posto a 2 metri dalla tua destinazione. Egoista, pigro e fuorilegge! In questa bella paternale, includo anche chi ha l’autorizzazione perché solitamente accompagna in auto un disabile ma poi sfrutta il bel talloncino a proprio uso e piacere quando è in giro da solo. Ok, legalmente hai il permesso, ma eticamente, non ti fai un po’ schifo?

Insomma, proviamo a fare tutti un piccolo sforzo, non possiamo pretendere che tutto funzioni e fili liscio, se poi siamo i primi a cercare delle scappatoie per dei vantaggi personali. Soprattutto quando questi vantaggi vanno a discapito della libertà altrui.

“La tua libertà finisce dove inizia la mia”.

Capisco che nel mondo di oggi, la fretta e il condividere spazi già saturi, creino disagi. Non dico di non commettere anche io qualche peccatuccio, ma cerchiamo di evitare di peggiorare le cose. La vita quotidiana è vissuta in modo particolarmente nervoso, non aggiungiamo benzina sul fuoco, cerchiamo davvero nel nostro piccolo di agevolare il prossimo in questa convivenza comune.

E sì. Vale anche se piove.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...